lunedì, marzo 28, 2011

AnotherDay

Tornando a Casa avevo il tuo Profumo,
il Peso sulla Spalla della tua Testa poggiata,
il Sorriso Dolce di una giornata Stanca.

Sentirti parlare a fiume come a me piace,
baratterei il Mondo per attimi come questo.
Quando riesco ad entrare in te, semplicemente.

La tua Mano appoggiata sulla mia Gamba
mentre ascoltavo la tua Voce come fosse una melodia.
Ed era tutto così Sereno, così appagante.

T'ho seguito Lentamente ritornando verso Casa,
mi hai perso un attimo e ho avuto come la Sensazione
che mi stessi aspettando.

Ed ho sorriso a questa Strana Emozione,
come se avessimo la Volontà di vivere ogni attimo
che il Tempo ci regala, assieme.

Poi in una Curva sei Sparito
e mi sono immersa nella Notte Buia che m'ha scortata.
Avevo voglia di girare fino al mattino.

Così ho vagato un per la Città,
ascoltandone l'odore, guardando la gente muoversi,
i ragazzi abbracciati, la pioggia lavare l'Emozioni.

Ed ero Semplicemente Serena, in Pace col Mondo.
D'Istinto ho Legato la tua Voce al Collo come un Ciondolo.
Stringendola, ho Guidato fino a Casa.

L'ho nascosta sotto al Cuscino e mi sono addormentata
convinta di avere solo per me il Regalo più bello.
Il tuo Amore.

1 commento:

Maga di Endor ha detto...

Un altro giorno su cui depositare le nostre ciglia stanche per il troppo soffrire. Alza lo sguardo e troverai la Luce, quella vera, non più ricordi da rincorrere, nessun rimpianto, una nuova strada da percorrere con te stessa che sei la persona che ti amma di più.
Abbassa lo sguardo, percorri il tuo braccio, alla fine di essa troverai la tua mano pronta ad aiutarti!
Lilly
Un sorriso...é poca cosa.
il mio