sabato, gennaio 31, 2009

Insonne Notte

Insonne Notte ho trascorso.

Giravo e giravo e non trovavo pace nei miei pensieri,
tutto si accavallava nella mente e non riuscivo a sistemarlo.

Dannata-Mente che se da sola non riesce a darsi pace,
a me viene a chiedere spiegazione.

E io di spiegazioni ne ho ben poche.
So solo che tutto accade e che il caso non esiste
e che si è fautori del proprio destino,
che le scelte che facciamo tracciano profonde pieghe nel nostro cuore.

E oggi il tuo riflesso, i lunghi silenzi, gli occhi che guardavano,
la testa che pensava e la bocca che rimaneva in un sorriso.

E oggi il tuo non sentirci dovuto da me, che ho scelto di staccare,
per cercare di capire se è un'amicizia che posso portare avanti o meno.

E oggi il tuo non comprendere che tutto va perchè il tempo scorre
e che non hai fatto nulla perchè ciò cambiasse,
inesorabilmente involuto nei tuoi silenzi, nella tua vita solitaria.

Notte Insonne che purtroppo si andrà a ripetere per me
che tutto follemente voglio e ho bisogno di distruggere tutto
per iniziare nuovamente da zero.

Si, ho voglia di ripartire, di cancellare tutto quello che non mi aggrada,
quello che è allontanabile e quello che mi fa male.

Perchè io, a differenza di altri,
VOGLIO e POSSO
cambiare tutto e che devo tornare a
VIVERE.

venerdì, gennaio 30, 2009

Nuova - Mente


E' la mia indole.

Quando accade qualcosa che mi porta inesorabilmente
fra la vita e la morte
inizio a rilfettere e rafforzo le mie convinzioni.

Il toccare un'altra volta questo sottile limite
per poi girarmi e dire che ancora non è ora,
fa di me una donna forte che configura la sua mente
nel modo in cui tu non vorresti.

E divento nuovamente ingestibile, la mia grinta
continua a farti paura perchè non riesci a dosarla,
a calmare tutto quello che dentro di me è vita
e che non è fermarsi ma correre.

E per quanto io ti possa aver trascinato dietro di me,
non hai mai imparato a correre e neanche a camminare
al mio fianco.

Sinceramente, non c'hai mai provato.

E' passato un anno da quando ti ho detto
che volevo correre e tu mi hai promesso di starmi dietro
di comprendermi e io di aiutarti quando non ce la facevi.

Lo hai fatto solo per non rimanere solo e non hai capito
che solo già lo sei perchè ho staccato la mia mano dalla tua
ho preso i bimbi in braccio e sto camminando
senza voltarmi.

mercoledì, gennaio 28, 2009


Ho voglia di abbandonarmi la tuo gioco,
di lasciarmi sedurre dalle tue mani,
senza alcuna resistenza.

Desidero provare sulla mia pelle,
il calore della fredda lama del tuo coltello,
della sua punta che riga il mio corpo
e della tua lingua che asciuga le mie ferite.

Ho bisogno di lunghi attimi di silenzio
e buio, costellati solo dal sapore della tua pelle,
dalla tua bocca sulla mia,
dai tuoi umori nelle mie narici.

Voglio fremere sotto le tue moine
per lungo tempo gridandoti il mio piacere
che sarai abile a non far arrivare mai al culmine.

Debbo impazzire sotto i tuoi giochi fino al punto
di doverti supplicare di prendermi,
di farmi tua
e placare tutto quello che lentamente
hai costruito dentro me.

Solamente così, completamente ubriaca di te,
dei tuoi mille sapori, completata in ogni mia evoluzione,
potrò sciogliere i miei capelli
e lasciarmi accarezzare per trovare la pace.

martedì, gennaio 27, 2009

Non smettere ora.


La testa a tratti si offusca.
Penso di essere in preda della sindrome di E. A. Poe e del suo oppio
che lo faceva scrivere storie di orrore.

Ma la mia non è una storia,
lentamente cresce dentro di me,
sfinisce il mio corpo e annebbia i miei pensieri.

Lentamente le mie gambe cedono,
i muscoli sopra le cosce si tendono alla ricerca di ossigeno.
I crampi all'addome divengono più frequenti durante
gli eccessi di tosse.

La mia voce non esce dalle mie labbra,
le corde vocali di rifiutano ancora di emettere suoni.

Stranamente non ho paura di essere sola,
anche se so che basterebbe chiudere gli occhi
per non pensare più a nulla e lasciarsi trovare.

Ho sfidato molte volte questo,
e avevo motivazioni molto ben minori per andare avanti
ed uscirne.

Continuo a insufflare a fatica l'aria nei miei polmoni,
la gola brucia, le braccia e le spalle sono dolenti.

Posso farcela ancora, ho ancora un sogno da realizzare,
ancora una speranza che nel mio cuore non muore
è lei che mi porta avanti, è lei che è vita.

domenica, gennaio 25, 2009

Ayer la Vi - Don Omar

Ayer la vi por ahí tomando… - Ieri l'ho vista che beveva
Queriendo morir, llorando… - Volendo morire, in lacrime
Quien le hizo eso a ella, tan bella… - Chi ha fatto questo a lei, tanto bella
Que ahoga hoy sus sueños en esa botella… - Che affoga oggi i suoi sogni, in questa bottiglia
Usted se fue y la dejo en un rincón llorando - Tu te ne sei andato e l'hai lasciata in lacime in un angolo
Y aun aquí estoy yo por sus besos rogando - E sebbene io sia quì pregando per i suoi baci
Como no pudo ver lo que por dentro es - Come hai fatto a non vedere quello che è dentro
Ya no quiere querer y que le puedo hacer - Ora nno vuole amare e io che le posso fare
Todo fue culpa de usted que la dejo llorando - E' stata tutta colpa tua che l'hai lasciata in lacrime
Y aun aquí estoy yo por sus besos rogando - E sebbene io sia quì pregando per i suoi baci
Como no pudiste ver lo que por dentro es - Come non hai potuto vedere quello che è dentro
Ya no quiere querer y que le puedo hacer - Ora non vuole amare e io che le posso fare
Nadie deja que muera una flor tan bella - Nessuno lascia che muoia un fiore tanto bello
Ni deja sin castillo a una doncella - Ne lascia senza castello una donzella
Quien bajo del firmamento tan linda estrella - Chi ha tirato giù dal firmamenteo una stella tanto bella
Le pago con sufrimiento y hoy no brilla ella - E l'ha ripagata con sofferenza e oggi lei non brilla
Nadie deja que muera una flor tan bella - Nessuno lascia che muoia un fiore tanto bello
Ni deja sin castillo a una doncella - Ne lascia senza castello una donzella
Quien bajo del firmamento tan linda estrella - Chi ha tirato giù dal firmamento una stella tanto bella
Le pago con sufrimiento y ya no brilla ella - E l'ha ripagata con sofferenza e oggi lei non brilla
Todo fue culpa de usted que la dejo llorando - E' stata tutta colpa tua che l'hai lasciata in lacrime
Y aun aquí estoy yo por sus besos rogando - E sebbene io sia qui pregando per i suoi baci
Como no pudiste ver lo que por dentro es - Come non hai potuto vedere quello che è dentro
Ya no quiere querer y que le puedo hacer - Ora non vuole amare e io che le posso fare
Todo fue culpa de usted que la dejo llorando - E' stata tutta colpa tua che l'hai lasciata in lacrime
Y aun aquí estoy yo por sus besos rogando - E sebbene io sai quì pregando per i suoi baci
Como no pudiste ver lo que por dentro es - Come non hai potuto vedere quello che è dentro
Ya no quiere querer y que le puedo hacer - Ora non vuole più amare e io che le posso fare
Si ahora llora sola sola solita las penas de un amor - Se ora piange sola sola soletta le pene di un amore
Que sus hojas marchitan - Al quale le foglie marciscono
Ahora llora sola sola solita las penas de un amor - Adesso piange sola sola soletta le pene di un amore
Que sus hojas marchitan - Al quale le foglie marciscono
Todo fue culpa de usted que la dejo llorando…. - E' stata tutta colpa tua che l'hai lasciata in lacrime

Ayer la vi por ahí tomando… - Ieri l'ho vista in giro che beveva

Ossigeno


Un'altra volta.

Il mio corpo ha bisogno d'aria e di un stop e chiaramente
me lo fa comprendere.

La mia voce non esce dalle mie labbra,
solo sibili provenienti dai miei polmoni,
già malandati dai troppi attacchi giovanili
e dalle sigarette.

Solo ora riesco a capire di cosa ho veramente timore.

La mia testa viaggia verso qualunque ragionamento,
gli occhi della mente vanno dove vogliono,
le mie mani scorrono sulla tastiera.

Le mie gambe non si muovono,
a fatica compio passi, per poi piegarmi su me stessa,
tossire e riprendere fiato.

Il timore sta proprio nel fatto che io, fisicamente,
potrei fermarmi e la mia testa no.

Sono coscente del fatto, come mi disse il mio Doc,
che ogni volta potrebbe portarmi all'inesorabile,
fondamentalemente perchè la testa non è più lucida,
si dimentica quei pochi passi da fare:
aspiratore, siringa, respiro e contentrazione.

L'ossigeno finisce, la mente di annebbia,
la paura sale e pervade il mio essere.

Per fortuna ancora la comando e vinco io.

venerdì, gennaio 23, 2009

Ella Y Yo - Don Omar e Aventura


Don Omar:
Ella y yo - Lei ed io
Dos locos viviendo una aventura castigada por Dios- due pazzi vivendo una avventura punita da Dio
Un laberinto sin salida donde el miedo se - Un labirinto senza uscita dove la paura si
convierte en amor - converte in amore
Somos su marido, ella y yo - Siamo suo marito, lei ed io

Romeo:
mi esposa y yo - La mia sposa ed io
igual que ustedes compartimos en la vida un - Uguale a Voi due dividiamo la vita in un
eterno amor - eterno amore
la dama perfecta, toda una belleza, ella es mi - La dama perfetta, tutta una bellezza, lei è la mia
inspiracion - ispirazione
somos feliz ella y yo (ella y yo) - Siamo felici lei ed io

Don :
Amigo ella y yo - Amico, lei ed io
Solos nos vemos a escondidas para ahogar esta - Solo ci vediamo in luoghi nascosti per affogare
questa
prohibida pasion - passione proibita
Y aunque tiene dueño, yo solo tengo un sueño, - E sebbene abbia un uomo io solo ho un sogno
ser su protecton - essere il suo protettore
Somos su marido, ella y yo - Siamo suo marito, lei ed io

Romeo:
oye Don, lucha por amor! - Senti Don, lotta per amore
Don:
no me aconsejes en tu posicion - Non mi dare consigli nella tua posizione
Romeo :
Quizas su marido no mande en su corazon - Forse suo marito non comanda nel suo cuore
Don:
no sabes quien es victima en esta confusion - Non sai chi è la vittima in questa confusione
Romeo:
oye mi pana, lucha por amor! - Senti compagno, lotta per amore
Don:
No, no me aconsejes en tu posicion - Non mi dare consigli nella tua posizione
Romeo :
Quizas ese tipo no mande en su corazon - Forse questo tipo non comanda nel suo cuore
Don:
Tu, no sabes quien es victima en esta - Tu non sai chi è la vittima in questa
confusion - confusione

Romeo :
Mi esposa y yo, somos felices, dos almas - La mia sposa ed io, siamo felici, due anime
matrices, se lo que es el amor - gemelle, io so cosa è l'amore
Por eso te entiendo y aunque sea casada no te - Per questo ti capisco, e sebbene sia sposata,
alejes por temor, no lo hagas Don, oh no no - non ti allontanare per timore, non lo fare Don,
noooo - oh noooo

Don:
Amigo ella y yo, teniamos claro que era una lo - Amico, lei ed io abbiamo ben chiaro che era una
cura esta relacion - pazzia questa relazione
Pero la carne nos llamaba, y la cama nos hacia - Però la carne ci chiamava, e il letto ci ha
una invitacion, a solo hacer el amor - fatto un invito, solo per fare l'amore

Romeo:
ay ya te esplique, cuando hay personas que se - Ora ti spiego, quando ci sono persone che si
aman el amor tiene que vencer, y ya el marido - amano, l'amore deve vincere, e ora il marito
entiende que perdiò su hembra - capirà che ha perso la sua femmina
ahora es tu mujer, no pueden ganar los tres - Adesso è la tua donna, non potete vincere tutti
e tre
y te repito, lucha por amor - E ti ripeto, lotta per amore

Don:
No me aconsejes en tu posicion - Non mi consigliare nella tua posizione
Romeo :
Quizas su marido no mande en su corazon - Forse suo marito non comanda nel suo cuore
Don:
No sabes quien es victima en esta confusion - Non sai chi è la vittima in questa confusione
Romeo :
No seas tonto, lucha por amor - Non essere tonto, lotta per amore
Don :
No, no me aconsejes en tu posicion - No, non mi consigliare nella tua posizione
Romeo :
Quizaz ese tipo no mande en su corazon - Forse il tipo non comanda nel suo cuore
Don:
tu no sabes quien es victima en esta confusion - Tu non sai chi è la vittima in questa
confusione

Amigo, pido perdon yo nunca te fallè, me - Amico, chiedo perdono io non ti ho mai mancato,
traicionaron las ganas de volverla a ver - mi hanno tradito i piaceri di tornare a vederla
Y aunque todavia no puedo creer, lo que este - E sebbene ancora non ci possa credere, quello
amargo encuentro me hizo comprender pues tu - che questo amaro incontro mi ha fatto capire,
tanbien llegaste a ese lugar - allora che anche tu sei arrivato in questo luogo
Donde tanta veces yo la fui a buscar, y aunque - Dove tante volte io sono passato a prenderla, e
no es facil lo que voy hacer - sebbene non sia facile quello che sto per fare
Admitirè que salì con tu mujer - ammetterò che sono uscito con la tua donna
Salì con tu mujer - Sono uscito con la tua donna

Romeo:
QUE? - che?
Don:
salì con tu mujer - Sono uscito con la tua donna
Romeo:
no, yo no estoy creyendo eso - No, io non ci posso credere
Don
Salì con tu mujer - Sono uscito con la tua donna
Romeo
No no - no no
Don:
Salì con tu mujer - Sono uscito con la tua donna

Romeo
Que te perdone Dios, yo no lo voy hacer - Che ti perdoni Dio, io non lo farò
Los perdì a los dos y a la misma vez - Vi ho persi entrambi in una volta sola
Ya que todo era mentira cuando ella me decia - Ora che tutto era bugia quando lei mi diceva
Que se iba pa’ Puerto Rico a vacaciones con su amiga - che andava a Puerto Rico in vacanza con la sua amica
Me mintiò, tu y ella en una cama, haya en Bayamo- Mi mentì, tu e lei in una stanza, in Bayamo
Quizas en Isla Verde o Carolina, cuantosl - Forse a Isla Verde o Carolina, quanti hotel
hoteles ensuciò - avete sporcato?
Tu tanbien, los odio a los dos - Tu anche, Vi odio a tutti e due

Don:
oye entiende - Senti, capiscimi
que yo soy quien mas sufro con todo esto - Che io sono quello che soffre di più in tutto questo
me mata el dolor - Mi uccide il dolore
Romeo:
fue una traicion - è stato un tradimento
Don:
Perdì un amigo por la tentacion - Ho perso un amico per una tentazione
Perdon - Perdonami
Romeo:
Adios - Addio

giovedì, gennaio 22, 2009

Soul-dier Tiziano Ferro


I'm a soul-dier - son un soldato
And I fight fight fight fight fight -e combatto combatto combatto combatto
And I fight for my rights - e combatto per i miei ideali
And my music's my own right - e la mia musica è il mio proprio diritto
And my love's in you - e tu sei il mio amore
Night is over - la notte è finita
Don't you lie lie lie lie lie - non menti, menti menti menti
Don't you lie about your life? - non menti riguardo la tua vita?
Gotta live, don't look behind - bisgona vivere e non guardarsi indietro
Gonna fight for you + io lotterò per te
No need to tell you - non c'è bisogno di dirtelo
I know that you can feel me - io lo so che riesci a sentirmi

I'm king in my life - sono un re nella mia vita
And my music is my life - e la mia musica è la mia vita
So I fight fight fight fight fight - quindi combatto combatto combatto
And I fight for my love - e combatto per il mio amore
Just for you - solo per te

I'm king in my life - sono un re nella mia vita
And my music's my own right - e la mia musica p il mio proprio diritto
So I fight fight fight fight fight - così combatto, combatto, combatto
And I fight for my lord - e combatto per il mio Signore
And my music is my gift for you - e la mia musica è il mio regalo per te

I'm a soul-dier - sono un soldato
And I fight fight fight fight fight - e combatto combatto combatto
And I try to keep the faith - e cerco di mantenere fede
Bleeding everyday I pray - sanguinando ogni giorno che prego
Lord and I thank you - Signore e io ti ringrazio
RIT:
...
(vocals) You will never ever feel so lonely - tu non ti sentirai mai così sola
(vocals) 'cause you oughta know - perchè devi sapere
I'm your soul-ier - che sono il tuo soldato
And my mind's you - e tu sei la mia mente
And my love's you - e tu sei il mio amore
And my soul's you - e tu sei la mia anima
Is you - sei tu
And I'll love you more and more yeah - e ti amerò sempre di più, si
Everyday oh my lord - ogni giorno, mio Signore
RIT:
...
And I fight fight fight - e combatto combatto combatto
And my music's my own right - e la mia musica è il mio proprio diritto
And I fight for you (fight for you) - e combatto per te
I'm soul-dier in my life - sono un soldato nella mia vita
Within the limit of this time - frenato dal limite del tempo
I fight for you - e combatto per te
For you (and I fight fight fight and my ) - per te
music's my own right and I fight for you)
RIT:
...

mercoledì, gennaio 21, 2009

Here's a lullaby to close your eyes (goodbye)
It was always you that I dispised
I don't feel enough for you to cry (oh no)
Here's a lullaby to close your eyes

Trasposizione


Condotta nuda nel tuo bosco
cammino non curante della notte.
Nera benda avvolge il mio sguardo
e anela tiepido ardore.
Danzando muovo al tuo cospetto
mi fermo e poi, con passo sicuro,
ti attraverso per entrati dentro.

E tutto è musica, è calore,
è soddisfazione e aspettativa.
Rido, scherzo, piango di gioia
e mi avvio alla tua porta.

Cingo nuovamente la benda agli occhi.
Una farfalla di cristallo dalle labbra
vola al mio sguardo per congelarsi
nel tuo ricordo.

Muovo fuori dal tuo bosco per nascondermi
nella buia notte e iniziare a vivere nuovamente.

Lenta danza uscire e rientrare da te
come una traspozione da un essere
all'altro consapevoli che tu
puoi fare lo stesso.

Io dentro Te
Tu dentro Me

lunedì, gennaio 19, 2009

Nauseabonda


Nauseabondo è l'essere che si fregia del chiarore di colei
che al rimirar delle stelle inganna.
Infinito strisciare del suo corpo sulla nuda terra
per poter arrivare a noi e dividere.
Oscura benda che cinge i suoi occhi che
in maniera arbitraria ha stretto attorno a se.
Non c'è nulla di più riprovevole di chi si confessa libero
da dogmi e giudizi e ne è, invece, il primo artefice.
Un tempo avrei abbassato il capo e scosso la testa
in un ultimo pianto.
Ora non riesco, nel mio cuore non c'è più spazio per soffrire.
I miei cassetti hanno finito di riempirsi.

Ora voglio solo svuotarli e la reazione non sarà gradevole.


Tu che Scavalcavi il mio Parlare
Ora Taci
e Ascolti i Miei Silenzi.

Perchè Non abbiamo bisogno di Parole.

domenica, gennaio 18, 2009


Io Voglio che
parte del mio Destino
finisca sulla tua Pelle

sabato, gennaio 17, 2009

E da allora, ora.


Tutto è iniziato da piccola.
Non riuscivo a calmare la mia rabbia
e stavo stretta son le mani alle gambe nude
seduta sul muretto dietro casa.

Dentro un fuoco, un bollore, i dentri digrignati,
le lacrime che non scendevano e il cuore
urlante di fare qualcosa, perchè tutto smettesse.

In mano avevo un pezzetto di ferro che avevo usato
contro un melo per tranciare dei rami al mio passare,
funesta come la grandine,
portandomi dietro tutto quello che potevo.

Battevo su questo sul muro insistentemente,
tac tac tac tac tac tac
ed era lo stesso ritmo che era nella mia mente
che non pensava più ma pulsava
al tac tac tac tac tac.

Il vento negli occhi, improvvisamente trasporta il fumo
della mia sigaretta dalla bocca al viso.
Mi acceca.
Strizzo gli occhi.
tac tac tac ... taac

Rosso il sangue usciva dal polso,
mi ero ferita, meravigliosamente ferita.
E il mio cuore aveva perso un battito
e il mio respiro si era fermato.
La mia testa era libera e mi guardava allibita.

Tac ... tac ... tac tac tac
sgorgava caldo, rigava la mia pelle di luna
sollevava il mio dolore e lo ampificava
per sentirne le sfumature, i battiti, il perchè.

Tac e accennavo un sorriso isterico,
perchè la mia rabbia si placava,
lentamente si sopiva, lentamente annebiava.

Tac e i problemi non c'erano più,
era tutto superabile e aveva il sapore della sfida
che potevo vincere perchè ero più forte.

Tac
Finalmente libera.
Finalmente sola.
Finalmente serena.
Equilibrio nell'irrazionale situazione di dissociazione.

Tac

E da allora, ora è piacere.

Lamento Boliviano


Me quieren agitar - voglio farmi agitare
Me incitan a gritar. - mi incitano a gridare
Soy como una roca, - sono come una roccia
Palabras no me tocan - le parole nno mi sfiorano
Adentro hay un volcán - c'è un vulcano dentro di me
Que pronto va a estallar. - che presto esploderà
Yo quiero estar tranquilo. - io voglio star tranquillo

Es mi situación una desolación, - la mia situazione è una desolazione
Soy como un lamento, - sono come un lamento
Lamento boliviano.- lamento boliviano
Que un día empezó - che un giorno è cominciato
Y no va a terminar - e che nno terminerà
Y a nadie hace daño. - e che non fa male a nessuno

Y yo estoy aquí - e io sono quì
Borracho y loco - ubricao e scemo
Y mi corazón idiota - ed il mio cuore idiota
Siempre brillará - brillerà sempre

Y yo te amaré, - ed io ti amerò
Te amaré por siempre. - ti amerò per sempre
Nena no te peines en la cama - tesoro non pettinarti nel letto
Que los viajantes se van a atrasar. - che i viaggiatori faranno tardi

(mamita ,por favor, no me hagas sufrir mas) - piccola, ti prego, non farmi soffrire

Me quieren agitar... - vogliono agitarmi ...

giovedì, gennaio 15, 2009

Call Me When You're Sober - Evanescence


Don't cry to me. - non piangere per me
If you loved me, - se mi avessi amato
You would be here with me. - saresti quì con me
You want me, - mi vuoi
Come find me.- vieni e trovami
Make up your mind. - recupera la tua mente

Should I let you fall? - dovrei lasciarti cadere?
Lose it all? - farti perdere tutto?
So maybe you can remember yourself. - così forse puoi ricordare da solo
Can't keep believing, - non puoi continuare a crederci
We're only deceiving ourselves . - ci stiamo solo ingannando
And I'm sick of the lie, - e sono stanca delle bugie
And you're too late. - e tu sei troppo in ritardo

Don't cry to me. - non piangere per me
If you loved me, - se mi avessi amato
You would be here with me. - saresti quì con me
You want me, - mi vuoi
Come find me.- vieni e trovami
Make up your mind. - recupera la tua mente

Couldn't take the blame. - non potevo prendermila colpa
Sick with shame. - ero stanca della vergona
Must be exhausting to lose your own game.- deve essere spossante perdere al tuo stesso gioco
Selfishly hated, -egoisticamente odiato
No wonder you're jaded. - non meravigliarti se sei stanco
You can't play the victim this time, - non puoi giocare a far la vittima questa volta
And you're too late. - sei troppo in ritardo

Don't cry to me. - non piangere per me
If you loved me, - se mi avessi amato
You would be here with me. - saresti quì con me
You want me, - mi vuoi
Come find me.- vieni e trovami
Make up your mind. - recupera la tua mente

You never call me when you're sober. - non mi chiami mai quando sei sobrio
You only want it cause it's over, - tu mi vuoi perchè è finita
It's over. - è finita

How could I have burned paradise? come ho potuto bruciare il paradiso?
How could I - you were never mine. - come ho potuto? non sei mai stato mio

So don't cry to me. - quindi non piangere per me
If you loved me, - se mi avessi amato
You would be here with me. - saresti qui con me
Don't lie to me, - non mentirmi
Just get your things. - prendi le tue cose
I've made up your mind.- io ho recuperato la tua mente

A volte mi fermo un attimo e rifletto sconsideratamente sul nulla, su un qualcosa che ho letto e che, essendo in quel momento carta bianca, si è impresso nella mia mente.
Come l'ultimo post di Squilibrato che raccontava in modo così dolce e passionale della sua morte per mano di una ghigliottina.
Mi rendo conto che tutti hanno dei limiti e tutti quelli che ne sono al di dentro, sono normali.
Poi mi capacito di chi da superato quei limiti ed è entrato in un'altra sintonia totalmente diversa dalla prima. Non ho parole per classificare questa fascia di persone perchè ne sono al dentro e, sinceramente, non amo chiamarmi in alcun modo.
Io sono così.
Raramente questo essere al di sopra, o al di fuori se lo si vede come um limite terreno, dei limiti è condiviso con qualcuno. Di solito rimane represso dentro di noi e aleggia a volte nella nostra testa, titinnando pensieri spossati.
A volte diviene ossessione, come per una ragazza di cui lessi un racconto su una personale esperienza di follia. E li si può scegliere se avere un contatto, un unico contatto per sentire il filo del limite fra le mani, usarlo e poi rilasciarlo dove è o passarci attraverso e cercarne un altro.
Tante volte mi dico che mi basterebbe poco per fermarmi, razionalmente parlando è possibile.
Si entra in contatto, si usa, si lascia.
Poi arrivo al mio limite, naturalmente lo supero e subito apro le mani. Il filo cade. Sono al buio. Mai ho cercato di riprenderlo da terra, ma con lo sguardo sono sempre andata avanti cercandone un altro che fosse baciato dalla luce della luna.
Non vedendo i limiti in maniera terrena, non ho scalato qualcosa di preciso, ma ho trovato la differenziazione nelle sensazioni. Ho capito quelle che mi servono e in che momento.
Quando la dolcezza è stucchevole come il marzapane o quando è un nuovo gusto che mi sconvolge, come il prosciutto mangiato assieme al cioccolato extra fondente, goduria pura.
Il problema poi nasce al momento in cui mangi per alcune volte di seguito lo stesso cibo o, addirittura, quando lo cucini in modi industriali per cui è con gli occhi che mangi e non più con la bocca.
E hai bisogno di variare, accostare nuove sensazioni nello stesso modo avvolgi delle prugne con la pancetta e le metti a rosolare in forno. Le curi, le arrotoli, le spiedi, le sistemi e attendi. Attendi il momento giusto per tirarle fuori dalla tua testa e quando lo fai le guardi sapendo di non poterle addentare subito.
Da li, si da li, nasce il primo piacere che per me è il più devastante. L'attesa. Come mi piace l'attesa, il gioco che prolunga una lenta agonia destinata ogni volta ad avere nuove regole a volte dettate, a volte imposte.
Ma che importa? L'essenziale è giocare.

Ed è su questo disequilibrio fra razionalità e intensione di intenti e follia e desiderio che a volte combatto. Ma è come un cuoco che sogna di cucinare la più pregiata delle carni e non averla mai vista, annusata, inserito al suo interno le dita, fatto cedere le fibre e vedere gli umori uscirne rigogliosi.
Può solo pensare che un giorno avrà la possibilità di tenerla fra le mani, sentirne il calore e allora si, non dovrà sbagliare. E godrà passando la lama di un coltello su quella carne, aprendone i lembi e scrutandone all'interno per poi succhiarsi le dita e iniziare nuovamente, finchè non sarà soddisfatto

E ora giocando porto le dita alla bocca.

Every Breath You Take - Police

Every breath you take - Ogni respirto che prendi
Every move you make - Ogni movimento che fai
Every bond you break - Ogni legame che rompi
Every step you take - Ogni passo che fai
I'll be watching you. - Io starò a guardarti

Every single day - Ogni singolo giorno
Every word you say - Ogni parola che dici
Every game you play - Ogni gioco che fai
Every night you stay - Ogni notte che rimani
I'll be watching you. - Io sarò a guardarti

Oh can't you see - Oh non riesci a vedere
You belong to me? - Che mi appartieni?
How my poor heart - Quanto soffre il mio povero cuore
aches with every step you take. - ad ogni passo che fai

Every move you make - Ogni movimento che fai
Every vow you break - Ogni promessa che tradisci
Every smile you fake - Ogni sorriso che fingi
Every claim you stake - Ogni barriera che innalzi
I'll be watching you. - Io starò a guardarti

Since you've gone I've been lost without a trace. - Da quanto te ne sei andata mi sono smarrito senza lasciar traccia

I dream at night, I can only see your face. - Sogni di notte, riesco solo a vedere il tuo viso

I look around but it's you I can't replace. - Mi guardo intorno ma sei tu che non posso sostituire

I keep crying baby, baby please... - Io continuo a piangere, piccola, piccola, ti prego ...


Every move you make - Ogni movimento che fai
Every vow you break - Ogni promessa che tradisci
Every smile you fake - Ogni sorriso che fingi
Every claim you stake - Ogni barriera che innalzi
I'll be watching you. - Io starò a guardarti
Every move you make - Ogni movimento che fai
Every vow you break - Ogni promessa che tradisci
Every smile you fake - Ogni sorriso che fingi
Every claim you stake - Ogni barriera che innalzi
I'll be watching you... - Io starò a guardarti ...

mercoledì, gennaio 14, 2009

Vorrei - Vecchioni

Tu sei bella anche se non ridi
sai cadere quasi sempre in piedi
io non ho la giacca ed il coltello
ma sul muro il tuo sorriso è bello
Io vorrei
rivederti per tutte le sere
che ho guardato
la tua foto in un vaso di mele

Non ti ho mai voluto tanto bene
vedi, quasi quasi ti conviene
ti ho mai scritto lettere d'amore
quando stavi sveglia ad aspettare?

Si lo so
che poi sei ritornata lo so
ma qui dentro
io continuo a vederti partìre...

Io vorrei
fare a pezzi il ricordo di un treno
i tuoi treni
e quell'uomo che vedi e che tieni...

Io vorrei
ammazzarlo per farti tornare
sulle scale
con la voglia di ricominciare
hai ragione forse sono solo
ho comprato il cielo ma non volo
sono piccolo come un bambino
puoi tenermi tutto in una mano

Io vorrei
rivederti per fare l'amore
non sognarti
quando il sogno comincia a finire

io vorrei
tu chi sei
ed accorgermi che siamo uguali

E vorrei contare i tuoi capelli
fino all'ultimo senza sbagliare
e alla fine
dire che son belli
e confonderli e ricominciare

martedì, gennaio 13, 2009

Tea in the Sahara with you

Per la prima volta penso di sapere dove sta la verità.
Non la sto cercando in tanti specchi che riflettono altre realtà.

Chinque ci conosce, ci mette in guardia l'uno contro l'altro.
E' questo che scontra col nostro essere irrazionali.

Chi ci ascolta è impaurito perchè sa
che abbiamo già ottemperato questi ragionamenti da soli.

Da questo si deduce che il mettersi in guardia,
non sia il nostro, ma il loro.

Amicizia, Amore presuppongono un gioco,
che va sempre condotto in due.

Ma questo già lo sappiamo e ridetto all'infinito.

Gli amici non prendono pause.
Gli amati non fanno assoli.

Stronger Than Me


You should be stronger than me - Dovresti essere più forte di me
You been here 7 years longer than me - stai quì da 7 anni prima di me
Don't you know you supposed to be the man, - non sai che dovresti essere l'uomo
Not pal in comparison to who you think I am, - non il pari al confronto che tu pensi che io sia

You always wanna talk it through - I don't care! - hai sempre voluto avere ragione - non m'interessa!
I always have to comfort you when I'm there - ti ho sempre dovuto confortare da quando io sono quì
But that's what I need you to do - stroke my hair! - ma questo è quello che io avevo bisogno da te - tirami i capelli!

Cos' I've forgotten all of young love's joy, - perchè ho dimenticato i piaceri dell'amore giovane
Feel like a lady, but you my lady boy, - mi sento donna, ma tu sei il mio ragazzino

You should be stronger than me, - dovresti essere più forte di me
But instead you're longer than frozen turkey, - ma hai preferito essere un tacchino congelato a lungo
Why'd you always put me in control? - perchè hai lasciato che io mi controllassi?
All I need is for my man to live up to his role, - voglio solo che il mio uomo sia all'altezza del suo ruolo
Always wanna talk it through- I'm ok, - vuoi avere sempre ragione, va bene
Always have to comfort you every day, - io ho sempre dovuto confortare ogni giorno
But that's what I need you to do - are you gay? - ma quello di cui ho bisogno ... sei gay?

I've forgotten all of young love's joy - io ho dimenticato i piaceri dell'amore giovane
Feel like a lady, but you my lady boy - mi sento donna, ma tu sei il mio ragazzino

He said 'the respect I made you earn - - mi hai detto che il rispetto che hai guardagnato è grazie a me
Thought you had so many lessons to learn' - pensavo dovessi imparare tante cose
I said 'You don't know what love is - get a grip!' -- ho risposto che non sai che cos'è fare l'amore, fa una pausa
Sounds as if you're reading from some other tired script - sempre che stai recitando qualche vecchia scena

I'm not gonna meet your mother anytime - non incontrerò mai tua madre
I just wanna rip your body over mine - voglio solo strappare il tuo corpo sopra il mio
So tell me why you think that's a crime - e dimmi perchè pensi che questo sia un crimine

I've forgotten all of young love's joy - ho dimenticato i piaceri dell'amore giovane
Feel like a lady, but you my lady boy - mi sento donna, ma tu sei il mio ragazzino

lunedì, gennaio 12, 2009

Nuova provocazione

Lei è acqua e sapone, poco trucco sui suoi occhi, sempre jeans a coprire le sue gambe e maglione per non far intravedere le curve.
La conosco così da tempo, avvolta nella sua camera rosa col piumone morbido dove gli orsacchiotti sprofondano. Quel suo parlare così scontato e ingenuo, una tranquilla compagnia per una serata storta.
Stasera la passo a prendere e parcheggio sotto casa. Sovrapensiero fumo una sigaretta. Toc Toc, al vetro. Ci metto un attimo per capire chi fosse. E' lei.
"Si va a ballare?" mi chiede. Schiarisco la voce con un colpo di tosse e le dico un distratto si, accendendo la macchina.
Si sistema il collant nello stivale. La gonna .. la gonna? Ma quale gonna, non è altro una fascia nera che le volge la vita già stretta oltre misura dal suo piumino nero allacciato fino al collo.
"Però belle gambe" penso intanto che mi avvicino ad un parcheggio.
Scendiamo dalla macchina e un lampione illumina il suo viso, non avevo mai notato quanto fosse carnosa la sua bocca. Sorrido e entriamo.
Lascia il giacchino al body guard di turno mentre io sto cercando di sistemare le chiavi nella borsa.
Quando mi giro. lei mi è già di fronte e indossa un dolcevita nero che le contorna il viso e i capelli corti fanno il resto.
La faccio passare possandole le una mano alla schiena che, solo allora, mi accorgo essere completamente nuda. Il dolce vita è fasciato al collo e sotto i fianchi, per il resto è completamente aperto.
Muovendo le braccia per passare fra la gente mi cade lo sguardo accanto al braccio, ad ogni sua movenza tutto è visibile.
Ho sensazioni contrastanti in me. Rabbia, delizia, odio, eccitazione.
E balliamo tutta la notte e tutta la notte ancora cambio mille volte faccia, probabilmente se ne accorse perchè rideva ogni volta che mi guardava.

Ricordo solo il lento spegnermi e il sale del Margarita che bruciava sulle labbra quando mi baciò. "Buono, è Margarita? Il mio preferito"
Rosso su Nero, ancora una volta.
Abbassai la testa controllando che il limone fosse ancora nella coppa.
Angelito, quando fui al bancone, mi prese la mano con la sua senza farmi appoggiare il bicchiere e sorrise divertito dalla mia espressione sorpresa. "Come và Sah?", alzai il ciglio per non rispondere in modo sgarbato e accennai ad un sorriso che dovette brillare sulle mie labbra glitter perchè mi versò ancora Margarita nel bicchiere "Offre la casa per sedare i tuoi malumori che, a giudicare dalla compagnia, sono sempre gli stessi". Buttò un'occhiata alla ragazza, tirai fuori una sigaretta dalla tasca e feci cenno con la testa. Mi fece passare dietro al bancone per arrivare fino al retro. Li potevo fumarmi una sigaretta senza congelarmi al freddo della notte. Anche se tremavo appoggiando i gomiti sulla finestra, non era freddo. Era tutto quello che avevo dentro a farmi star male.
Un mano sul fianchi, Angelito era venuto a controllare che stessi bene. Era calda, accogliente, chiusi gli occhi per un attimo.
"Tutto bene Angel, tranquillo" mormorai soffiando fuori il fumo.
"La devi smettere di devastarti così. Poi le persone se ne approfittano perchè sei buona e sei rispettosa. Non capisci che le donne con te ci giocano solo?"
Lo guardai divertita, come si guarda un fratello maggiore che impartisce lezioni.
"Hai ragione Angel, bisogna ritornare sulla retta via." Dissi gettando la sigaretta con uno schiocco di dita il più lontano possibile dalla mia vita.
"Non mi prendere per il culo, non c'è bisogno. So quello che hai dentro, ti conosco da piccola e conosco quello sguardo. Prendi il margarita che è sul tavolo e vola in pista. Fai vedere a quella marmaglia che vuol dire ballare reggaeton. Basta uno sguardo e poi ti sono addosso per toglierti le pulci". Si riferiva a quelli che c'avrebbero provato.
Sorrisi, gli saltai al collo baciandolo come una sorella minore. Mi piaceva il suo sorriso dolce su quel faccione muscoloso e le sue mani grandi sulla mia schiena.
Saltai il tramezzo senza aprirlo "Oh Sah !?" e ridendo presi al volo il mio margarita che questa volta invece che in una coppa era in un old fashion.
"Così non lo verso sopra a nessuno ..." pensai.

Mi mossi verso la pista, avevo finito già il mio margarita. Inizia a ballare dopo aver raggiunto il centro della pista. Da li non ti colpiscono i fari negli occhi. Chiusi gli occhi e il ritmo prese il sopravvento. Bailando Sola, la mia canzone. La sento dentro e fianchi prendono movenze latine, ritmate, sensuali.
Le braccia piegate sulla mia testa, lo sguardo perso.
"Così mi scaldo un pò ..."
Sailo el sol e a ballare non sono più sola.
Mi ha raggiunto e inizia le stesse movenze vicino a me.
Reggeton dentro, la gente ride, si diverte.
Ho la testa altrove.

"Y sus amigas estaban en acciòn.
La canciòn,
que causa en ellas
y sus cuerpos esa sensaciòn.
Reggaeton
piden reggaeton
del mejor
sientan la presiòn"

E la mia testa è presa, il mio corpo non vede altro che il mio spazio e le sue forme che si avvicinano pericolose.
Rosso ancora su Nero, mi giro di schiena. Si è avvicinata, mi ha avvolto con le braccia. Sento il suo ritmo dietro alla schiena, lo seguo e diventa tutt'uno. Prende i miei fianchi, il ballo continua.

"Como grande mueve la cola
la la vuelva con rola
dale sin miedo rompe la consola
la pistola, chambonea.
ella lo vuelve loco como se menea
bailando pura candela
lo vuelve loco cuando se acelera
y pela"

Adrenalina sale, il sapore del margarita in bocca, la testa gira. Sorrido per scaricare tutte le sensazioni che provo al momento. Mi gira e inizia a ballare con me allo stesso modo. Sento il suo stivale in mezzo alle mie gambe, il ritmo è lo stesso. Mi trattiene, mi strattona, sono il suo desiderio.
Sono il suo desierio.

"Va en su viaje (dèjala)
no amarra fuego (de la la)
se soltò el pelo (màndala)
se rompiò el traje (contròlala)
lo de ella es playa y arena
se excita cuando el sol la quema
quiere reggaeton
se escapa la nena
se le mete la pena
cuando el negro suena"

Incontro gli occhi di Angelito che sorride e scuotendo la testa.
"Va bene, ora basta, si è divertita anche troppo. Forse è meglio che stacco e mi butto sotto una bella doccia".

Mi tolgo dal suo odore senza far troppo rumore, sparendo fra la gente.
Tornano al corridoio trovo suo fratello.
"We, space boy. Lei è in pista, contròlala... Io torno a casa, era con me. Te la lascio."
Mi sorride con un cenno di assenso che lascia intravedere la sua noia nel riportare la sorellina a casa.
Esco, mi fumo un'altra Lucky Strike e lentamente vado alla macchina.
Faccio un giro lungo, per potermi riprendere.

Arrivo al mio portone e trovo la luce accesa.
"Ancora una volta. Bisogna che stia più attenta."
Varco la porta, il suo odore.
Li per li mi dico che debbo cambiarmi per toglierlo e farmi una bella doccia.
Mentre filo la maglia mi avvicino in camera e la trovo ad aspettarmi.
I pensieri si affollano, ricordo di averle lasciato le chiavi qualora avesse avuto problemi la sera a rientrare, ma era accaduto molto tempo fa. Non le aveva rese, non gliele avevo chieste.

Rimasi con la maglia ancora infilata ad un braccio mentre lei prendendomi l'altro mi stava baciando.

"Balla con me ora"

Guardandola negli occhi, così feci.


domenica, gennaio 11, 2009

Por un beso - Aventura

Hay una mujer - C'è una donna
que domina mis sentidos con sólo tocar mi piel - che domina i miei sensi soltando toccando la mia pelle
Ay, y como a mi, - ahi, è come me
también a otro hombre esto le puede suceder, - anche ad un altro uomo questo può succedere

que sólo por un beso se puede enamorar - che solamnete per un bacio si può innamorare
sin necesidad de hablarse, - senza bisogno di parlarsi
sólo los labios rozarse, Cupido los flechará - solamente allo sfiorarsi le labbra, Cupido li colpirà
Y sólo por un beso con ella soy feliz - e solamente per un bacio con lei sono felice
Tan sólo con un besito me llevo al infinito - soltanto con un bacino mi portò all'infinito
y ni siquiera la conozco bien - e nemmeno la conosco bene

Un beso significa amistad, sexo y amor - un bacio significa amicizia, sesso e amore
en cualquier parte del mundo, no importa la religión - in qualsiasi parte del mondo, non importa la religione
Por un beso de su boca voy al cielo - per un bacio della sua bocca vado in cielo
y hablo con Dios - e parlo con Dio
Alcanzo las estrellas de emoción - raggiungo le stelle dall'emozione

Su boca es tan sensual, me cautiva y me excita - la sua bocca è tanto sensuale, intrappola e mi eccita
No me canso de besar, - non mi sento stanco di baciare
su lengua es mi debilidad - la sua lingua è la mia debolezza
Ella sabe los truquitos - lei conosce i trucchi

Digame si hay alguien más - ditemi se c'è qualcun altro
que solo por un beso se puede enamorar - che solamente per un bacio si può innamorare
sin necesidad de hablarse, - senza bisogno di parlarsi
sólo los labios rozarse, Cupido los flechará - solamente allo sfiorarsi le labbra, Cupido li colpirà
Y sólo por un beso con ella soy feliz - e solamente per un bacio con lei sono felice
Tan sólo con un besito me llevo al infinito - soltanto un bacino mi portò all'infinito
y ni siquiera la conozco bien - e nemmeno la conosco bene

Un beso significa amistad, sexo y amor - un bacio significa amicizia, sesso e amore
en cualquier parte del mundo, no importa la religión - in qualsiasi parte del mondo, non importa la religione
Por un beso de su boca voy al cielo - per un bacio della sua bocca vado in cielo
y hablo con Dios - e parlo con Dio
Alcanzo las estrellas de emoción - raggiungo le stelle dall'emozione

!Qué lindo es el amor! - Che bello è l'amore
Escucha las palabras de Romeo - ascolta le parole di Romeo

Dejámelo, en memoria a Manzanita, Aventura

Hay una mujer - C'è una donna
que domina mis sentidos con sólo tocar mi piel - che domina i miei sensi soltando toccando la mia pelle
Ay, y como a mi, - ahi, è come me
también a otro hombre esto le puede suceder - anche ad un altro uomo può questo accadere
Y sólo por un beso - e solamente per un bacio

¡Es dulce! - è dolce

¡Rumba! - rumba

Un beso significa amistad, sexo y amor - un bacio significa amicizia, sesso e amore
en cualquier parte del mundo, no importa la religión - in qualsiasi parte del mondo, non importa la religione
Por un beso de su boca voy al cielo - per un bacio della sua bocca vado in cielo
y hablo con Dios - e parlo con Dio
Alcanzo las estrellas de emoción - raggiungo le stelle dall'emozione

sabato, gennaio 10, 2009

A ella le gusta que le hablen bajito al oido
a ella le gusta el sexo lento y sin mucho ruido ella quiere castigo quiere irse conmigo

venerdì, gennaio 09, 2009

Rosso e Nero

Velocemente sfilo il mio vestito da sposa.
Il bianco si addice alla purezza.

Di nulla vestita mi aggiro per il tuo bosco,
oramai è notte, ma non ho paura.

Vermiglio fiume nel notturno manto avvolge la terra,
estasiata mi lascio andare in esso.

Il calore mi avvolge, il mio corpo si tinge di scarlatto.
Un nuovo colore macchia la tavolozza.

Le creature che mi sono intorno smettono i loro rumori.
Tutto l'atro bosco tace, stai arrivando.

Fra i flutti porpurei riemergo suggendo le labbra
mentre tu avanzi sicuro verso le acque.

Dea Rossa dalla falcata magica, percorro la tua rea strada
conscia del mio divenire.

Nero Demone della notte bramoso del tuo cacciare,
statuaria presenza dall'irrazionale pensare, ti poni a me.

Rosso e Nero in un unico abbraccio si fondono.

E intorno tutto è silenzio di contemplazione.

giovedì, gennaio 08, 2009

E' l'ora

Mi spiace, stasera tolgo il disturbo.
Lo so si, non è così che si fa, ma ho bisogno di staccare.
Esco di scena.

Qualcuno diceva che le brave bambine vanno in paradiso,
qualcun altro rispondeva che le cattive vanno dappertutto.

E io stasera esco di scena.
Voglio abbandonarmi a questo nettare inebriante,
al fumo della mia sigaretta, alla musica battente.

Ho fatto per troppo tempo la brava ragazza davanti agli altri,
ora è tempo che la mia paranoia prenda il sopravvento,
che la testa vaghi per mondi rinnegati.

E non rinnego me stessa, solo questo lungo attimo di perdizione.
E non mi scuso con nessuno, perchè di questo ora ho bisogno e voglio.
E non sono sotto a nessuna regola.

La vita è mia.
Mi piace giocare.
Le regole le faccio io.

E tu, vuoi giocare con me?

mercoledì, gennaio 07, 2009

Mi lascio andare alle mie sensazioni mentre
suoni la tua chitarra, il tuo eterno blues.

Sdraiata a terra ad occhi chiusi ho il completo contatto con l'irrazionale,
sento la mia Lucky Strike fra le labbra consumarsi lentamente.

Tutto mi avvolge, la tua stanza dal tetto di legno chiaro,
il profumo dell'incenso che hai acceso per evocarmi.

Il buio che avvolge il tuo corpo, la musica di reggaeton
di sottofondo che salta all'interno della camera.

Sento i tuoi pensieri, ascolto i tuoi desideri
e la mia Lucky Strike continua a scorrere.

Sento i tuoi tormenti, gioco con i tuoi demoni.
Alcuni sono anche i miei e lo sai bene.

Ti vedo muovere, sorridere, sei solo ma sai
che solo non sei.

Brucio le dita con la sigaretta oramai arrivata alla fine,
ritorno nella realtà aprendo gli occhi.

Una mano sulla spalla... la tua.

Ma tu non sei con me.

martedì, gennaio 06, 2009

Sui Tuoi Nei - Negramaro

Sui tuoi nei
si perderà
il mio pensiero
leggero,leggero
che vola e se ne va
e sui tuoi nei
si fermerà
il mio pensiero
nel cielo più nero
si perde già.

Sui tuoi nei
si perderà
il mio pensiero
leggero,leggero
che vola e se ne va
sui tuoi nei
si fermerà
leggero nel cielo
si perde e se ne va.