mercoledì, marzo 18, 2009

Quanto sa di sale lo pane altrui.

E non ci sono Eroi che potranno salvarmi, Amore Mio.
E non ho il tempo a sufficienza e ne la credenza che esista qualcuno
che possa comprendere i menadri della mia testa.

Posso solo chinare la stessa
in un umile assenso e accettare cosa la vita propone.

Sono caduta da cavallo troppo tardi
per rendermi conto della velocità a cui stavo andando.

Inebriata da tutto quello che poteva essere la mia vita,
ma che non è stato, ho perso il controllo della stessa
le redini della ragione e della consapevolezza.

Prima o poi tutti ne paghiamo il conto.

E a volte,
può essere salato.


2 commenti:

Dekker ha detto...

Seme di mela pensava la stessa cosa, prima di provare ad ascoltare quella voce che, prima piano, poi sempre più forte, diceva "mente e cuore non sono in dissidio, ognuno traduce il linguaggio dell'altro, per questo, a volte, c'è confusione".

Buona giornata :)

UIFPW08 ha detto...

Gli eroi siamo noi, che affrontiamo la vita a testa alta e troviamo nelle emozioni il tempo per piangere..gli eroi siamo noi che paghiamo sempre il conto e non torniamo mai indietro, gli eroi siamo noi che cerchiamo nelle motivazioni i nostri perchè...gli eroi siamo noi che nella comprensione
troviamo la ragione..gli eroi...
siamo noi.