martedì, giugno 03, 2008

Amici !!!

Come potervi ringraziare di tutto quello che avete fatto per me?
Grazie per i bellissimi momenti trascorsi assieme, per le chiacchierate in macchina sotto il sole cocente, per le passeggiate lungo mare e per il bosco e per l'aperitivo preso assieme continuando a parlare di argomenti per nulla scontati.
Grazie per avermi fatto ritornare indietro di dieci lunghi anni, quando ancora si poteva essere spensierati, essere reali e poter sostenere il "vento in faccia" senza averne paura. Essere consapevoli del proprio essere senza doverlo nascondere, poter ridere e scherzare senza essere fraintesi, essere accettati nella totalità dell'essere senza doversi reprimere.
Grazie per la lunga notte trascorsa assieme a cena, per il pesce e l'allegria, per le passeggiate alla mattina e per il sole di Napoli.
Grazie per le risate scoppiate semplicemente senza remore, per le lacrime versate al fine del desio e per questa dolce malinconia di non potervi abbracciare che mi fa sentire ancora viva.
Grazie per essere entrati nella mia vita e per aver lasciato entrare me nella vostra.

Facciamoci una promessa: siamo stelle comete e ogni tanto passeremo tutti nel cielo dell'altra persona, tendiamoci sempre una mano ad ogni passaggio e non risparmiamoci mai.

Non sparite. Vi voglio bene.

5 commenti:

Pech ha detto...

Ringrazio anch'io per il sole di Napoli. Che ogni giorno fa marcire tonnellate di rifiuti e fa si che in quella splendida città ci sia sempre un odore gradevolissimo..

Duca Nero ha detto...

Tra voi vi sono quelli che cercano uomini loquaci per timore di restare soli.

Il silenzio della solitudine mette a nudo il loro essere, ed essi vorrebbero fuggirlo.

E vi sono quelli che, senza consapevolezza o prudenza, parlano di verità che non comprendono.

E quelli invece che hanno dentro di sé la verità, ma non la esprimono in parole.

Nel loro petto lo spirito dimora in armonico silenzio.

K. Gibran

tolomeo ha detto...

con gli occhi rivolti al cielo...
con le mani strette al petto....
con il pensiero rivolto altrove....

annuso l'aria e penso...
ascolto il vento e penso....

i ricordi di un giorno....

non lasciare scorrere il tempo, catturalo con lo sguardo, trattienilo con le mani, cibalo del tuo presente...

io continuo a guardare il cielo, con le mani strette al petto ed il pensiero rivolto altrove....

Tolomeo

Marnik ha detto...

ove il tempo nn ha tempo..

quando il mare ti sfiora dentro
un canto lento si ode nel vento
angeli e demoni che danzano
al fuoco lento degli zingari
una chimera si sofferma
ad osservar questa stranezza..
danzando in cielo col cuore pieno
e il tempo è fermo sul tempo eterno

ma il sole incalza con destrezza
solo la luna appaga ogni tristezza
e la realtà prende il dominio
e brucia ogni attimo di idillio..

Shillian ha detto...

Vanno
vengono
ogni tanto si fermano
e quando si fermano
sono nere come il corvo
sembra che ti guardano con malocchio

Certe volte sono bianche
e corrono
e prendono la forma dell’airone
o della pecora
o di qualche altra bestia
ma questo lo vedono meglio i bambini
che giocano a corrergli dietro per tanti metri

Certe volte ti avvisano con rumore
prima di arrivare
e la terra si trema
e gli animali si stanno zitti
certe volte ti avvisano con rumore

Vanno
vengono
ritornano
e magari si fermano tanti giorni
che non vedi più il sole e le stelle
e ti sembra di non conoscere più
il posto dove stai

Vanno
vengono
per una vera
mille sono finte
e si mettono li tra noi e il cielo
per lasciarci soltanto una voglia di pioggia.

[F. De Andrè]