martedì, dicembre 22, 2009

Innamorarsi ed Amare.
Sono come un Pugnale nel Fianco.

Fin quando è dentro,
hai paura ad estrarlo.

Giri con le mani sull'impugnatura,
provi a rimuoverlo da li
e senti dolore.

Inizi ad accarezzarlo,
ma anche le vibrazioni ti fanno tremare,
dentro, fino nell'Anima.

Senti il calore che ti scivola addosso
e che ti fa sentire viva,
ti fa temere di perdere tutto ciò che hai
e di morire, di rimaner sola.

Inizi a pensare che poi,
quel dolore che provi,
è in fondo così piccolo
a paragone di ciò che stai provando.

Inizi ad assaggiare la lama con un dito,
a tratti a spingerla più in fondo
quando le emozioni si placano.

Perchè hai fame di tutto quello
che non è nulla.

Amare è come un Pugnale nel Fianco.

Trattieni il respiro
quando te lo strappano via.

Dicono che è per il tuo bene,
ma in fondo a te manca.

Perchè delineava la tua vita dalla morte,
il nulla dalla sensazione,
la paura dall'abitudine,
il calore dal gelo del nulla.

Così afferri con le mani un altro pugnale.

Lo punti contro il tuo addome
e lentamente lo inserisci.

Ora vuoi gustarne anche l'ingresso,
la lacerazione, il calore.

Lo coccoli, canti canzoni danzando.

Hai un nuovo amore di cui morire.

7 commenti:

Julien Sorel ha detto...

A volte la lama si spinge a fondo,altre ci si spinge contro di essa perchè ci penetri e per quaanto cerchiamo di estrarla rimarrà sempre dentro di noi.Allora perchè non gurdarla ed accarezzarla con dolcezza tra le tese di un cappello,sorridendo al dolore che provoca?

ashasysley ha detto...

Sorrido al dolore che provoca. Lo proteggo. Non lo toglierà nessuno. Preferisco il dolore al nulla. Il dolore al nulla. E' sempre stato così. Quando lentamente stava per essere estratto, l'ho mantenuto con le mani. Dentro di me. L'ho spinto più in fondo. E questa volta l'ho sentito attraversare la mia Anima. Ora è li, con la punta che graffia il cuore, con la lama che seziona le Parole, con l'elsa che incornicia il dolore.

Duca Nero ha detto...

Sezionare le parole con la lama... brutto vizio.
Ma forse l'indifferenza sarebbe peggio.
Ho sperimentato il nulla, preferisco la dolce alternanza di brevi attimi di piacere e di lunghe lame che dolorosamente trafiggono.

UIFPW08 ha detto...

Non c'e lama che uccida cosi forte come un'amore che muore, non c'e dolore atroce che non senti che non abbia piu un sorriso, non c'e vento che ti allontana che non abbia il tuo nome perche si ama e si muore una volta sola.

Massimo ha detto...

Bellissimo post Asha.
Consentimi di farti i migliori auguri ! Buon natale e speriamo un gran bell'anno nuovo...
ciao

frufrupina ha detto...

Ciao dolcissima,son venuta per augurarti un sereno Natale.Vedo che cè sempre turbolenza nel tuo animo e nei tuoi post.Ahi!ahi!ma come mai?un amore non condiviso?mi spiace...cerca di aver più cura di te stessa,mente,animo e corpo.Cerca di non ostinarti ad una persona che non ti ama!cerca di avere cura di chi ti ama davvero.A chi ti è vicino.Ma noto che ti ostini,ti fai del male da sola.Rimani sempre in quel cuscio a rimurginare.Beh!adesso ti lascio devo correre dal parucchiere e l'esetista...sai un cambiamento non fà male.Essere belle dentro ma anche fuori.Ciao e buone feste.

ashasysley ha detto...

Non credo di avere bisogno di estetisti, parrucchieri o via dicendo. Anche perchè amo fare tutto questo da sola, senza intermezzi. Non ho dolori che non scelgo di mantenere. E non sto perdendo tempo con una persona che non mi ama!!! Tutt'altro ... eheheh